L‘Argas reflexus, meglio conosciuta come “zecca dei colombi“, occupa abitualmente gli anfratti dei tetti e i telai degli infissi, presso i quali attende l’animale ospite in attesa di poter effettuare il proprio pasto a base di sangue. Ciò le occorre per compiere il suo ciclo riproduttivo, scopo primario della sua esistenza.

Solitamente predilige i colombi, ma in qualche volta può aggredire anche gli esseri umani. Ciò accade spesso in luoghi in cui sono presenti colonie che stazionano e si riproducono nei sottotetto e o in punti di sicuro riparo. Risulta quindi fondamentale attuare l’allontanamento utilizzando sistemi professionali, evitando di limitarsi ad installare i classici dissuasori a punta, ormai divenuti quasi del tutto inutili, ed affidarsi a professionisti che conoscano l’etologia dei soggetti e che sappiano quale tecnologia utilizzare nello specifico, in quanto ogni ambiente è diverso e diversamente approcciabile.

Come difendersi dalle zecche dei colombi.

Il professionista, adeguatamente formato, prima di installare i sistemi, si premurerà di effettuare una disinfezione capillare dei siti, la rimozione del guano presente e la disinfestazione con biocidi a lunga residualità, in modo da poter abbattere le eventuali zecche nascoste anche nel lungo periodo.