La Disinfestazione a Firenze

Ultimamente a Firenze abbiamo seri problemi relativamente alle tre specie di blattoidei più comuni nel nostro Paese.
Esaminiamoli insieme:

La Blatta Orientalis
Come definito dal nome stesso, proviene dall’oriente ed è il classico “scarafaggio delle fogne”. E’ scura tendente al nero ed ha una lunghezza compresa tra i 25 e i 33 mm. Di forma appiattita con lunghe antenne filiformi vive dalle 5 alle 26 settimane. Il suo habitat preferito sono le fosse biologiche, i luoghi caldo-umidi, le cantine e tutti gli ambienti in cui può reperire cibo al riparo dalla luce e in presenza d’acqua. Il suo ritrovamento nelle ore diurne è sinonimo di alta infestazione.

La Blattella Germanica
Anche in questo caso il nome ci indica la provenienza. Di colore marrone scuro, con due macchie sul dorso e di lunghezza compresa tra 1,3 e 1,6 cm, con una forma affusolata e snella, infesta comunemente bar, ristoranti, alberghi e cucine in genere. Vive mediamente tra i sette e gli otto mesi e può avere una discendenza di circa 300 esemplari. Fugge la luce e, proprio per questo, è difficilmente individuabile.

La Periplaneta Americana
Anche in questo caso il nome ci indica la provenienza. Di colore marrone scuro, con due macchie sul dorso e di lunghezza compresa tra 1,3 e 1,6 cm, con una forma affusolata e snella, infesta comunemente bar, ristoranti, alberghi e cucine in genere. Vive mediamente tra i sette e gli otto mesi e può avere una discendenza di circa 300 esemplari. Fugge la luce e, proprio per questo, è difficilmente individuabile.

Le blatte sono onnivore e prediligono cibi organici in putrefazione.
Inoltre frequentano ambienti malsani, il che le espone al contatto con virus e batteri potenzialmente letali.
Tutto ciò rappresenta per l’uomo un fattore di rischio estremamente elevato.
Ecco perché un’infestazione provocata da una delle specie analizzate deve essere immediatamente eliminata e in seguito devono essere effettuati monitoraggi allo scopo di verificare che l’intervento sia andato a buon fine. Inoltre la loro prolificità renderebbe estremamente difficile intervenire se la situazione non fosse controllata.

Hai bisogno di aiuto?